S

Ph-Davide-Caporaletti161

  • La nostra Storia

    Hai mai conosciuto persona che fosse molte cose in una,
    le portasse con sé, che ogni suo gesto e ogni pensiero che tu fai,
    di lei racchiudesse infinite cose della tua terra, del tuo cielo [...]?
    Cesare Pavese, Dialoghi con Leucò

    Non potrebbe essere diversamente, dato che, dovunque io vada, lo porto sempre dentro di me. È un sentimento forte, di grande riconoscenza per chi mi è stato accanto in tutti questi anni, ha scaldato le mie giornate e ha materializzato i miei sogni con dei figli, facendo sbocciare questa azienda come un fiore e scalzando la tristezza degli anni bui e dolorosi, che mi rattristavano il cuore, con la forza della serenità.

     

  • Con Patrizio

    Non posso parlare di quest’azienda senza parlare di colui che ne è l’anima e movimenta la mia vita, anche se ti prego di non volermene se, da buona marchigiana, sorvolerò sulle passioni. Come potrai ben capire non è facile parlarti di cosa io provi, ma ti posso assicurare che, quando parlo d’amore, i miei occhi lo cercano e, ora che me lo fai notare, arrossisco mentre il pudore prende il sopravvento e smorza le parole.

  • La Comprensione

    È forse in questa timidezza o nel gioco sottile che in questi anni si è creato fra di noi, in quelle non dichiarate, ma ferree regole che dividono le nostre competenze o nei sottili meandri dei ruoli di padre e di madre, di donna e di uomo, che si racchiude in definitiva questa storia, mia e di Patrizio, ma so che non riuscirei a scomporla e crearti un distinguo fra dove inizia l’una e finisce l’altra.

  • Un grande Sentimento

    Un intreccio complesso fra un grande sentimento e questi trent’anni di normale quotidianità, vissuta uno accanto all’altro, che io difendo come una leonessa, arrivando a celarla dietro a una scorza di ruvido egoismo e di amore materno, proteggendo ciò che siamo da tutto e da tutti.

  • Il Pane ancora caldo

    Una storia iniziata da ragazzini, prima ancora che decidessimo di lasciare ogni altra cosa per metterci a fare i vignaioli come mio padre Ferruccio che, essendo nato in campagna, aveva sempre avuto la passione per le vigne e per la terra, attività che aveva dovuto abbandonare, intorno agli inizi degli anni ‘60, perché poco redditizia. La nostra è una storia partita quando io ancora studiavo, nel 1976, e fu avvolta, quasi subito dopo, dal profumo del pane caldo sfornato nel forno di famiglia, qui a Montecarotto, che mio padre aveva acquistato insieme a suo fratello, scommettendo su un’attività che, a quei tempi, poteva essere rischiosa, visto che tutti si facevano il pane in casa.

  • Una Vita insieme

    Con Patrizio siamo cresciuti insieme, appagando con questa scelta di vita il desiderio di costruire un percorso nel quale condividere tutto e ritrovarci a sera, felici di poterci abbracciare, in segno di incoraggiamento e di affetto. Insieme abbiamo avuto la forza di ridare vita all’azienda agricola, che contava solo 12 ettari, troppo pochi per fare progetti e costruire un solido futuro e, sempre insieme, abbiamo superato gli anni bui dei contrasti e delle cattiverie, sorte per questioni di eredità, dopo la morte di mio padre. Momenti tristi, ricchi di umane bassezze il cui solo ricordo mi fa nascere un magone che si smorza in gola e gli occhi si inumidiscono di rabbia e dolore, mentre mi riecheggiano nella mente le dolci parole di Patrizio e il gemito di Nico, il nostro cane lupo, che, quando mi vedeva scoppiare in lacrime, sembrava che con i suoi lamenti mi implorasse di cessare quel pianto.

  • La Tenacia e la Soddisfazione

    Momenti di grande crescita interiore che ho condiviso insieme a queste viti, accorgendomi che la nostra esistenza si svolgeva magicamente all’unisono perfetto con queste vigne. Ti posso assicurare che furono esordi duri e difficili, ma, con la tenacia che ci contraddistingue, siamo riusciti a superarli e a fare tante cose, ad avere dei riconoscimenti e ad affermarci come una delle poche cantine che, da sempre, ha puntato solo su una produzione monovarietale di Verdicchio, vitigno che caratterizza gli attuali 55 ettari vitati della nostra azienda.

  • Con Semplicità

    Sono contenta e soddisfatta dei risultati ottenuti in questi anni e di ciò che rappresenta oggi la nostra realtà sul territorio, ma la felicità maggiore è l’aver realizzato tutto questo insieme a mio marito, con il quale siamo riusciti anche a vendere più del 50% della nostra produzione direttamente in azienda, allargando ogni anno il giro dei nostri clienti abitudinari, alcuni dei quali ci seguono da oltre venti anni, e a far sì che vecchi clienti ne mandassero altri a comprare il nostro vino.

  • La Qualità è Lavoro di ogni Giorno

    Non abbiamo mai investito in pubblicità, né messo in atto strategie di marketing che potessero in qualche modo aiutarci a commercializzare ciò che producevamo. Credo che il segreto di questo nostro piccolo successo sia da ricercare nella costanza qualitativa dei vini che immettiamo sul mercato e nel rapporto qualità-prezzo che li contraddistingue, oltre a quell’accoglienza che riserviamo a chi viene a trovarci in azienda.

  • Una Storia che continua

    Fra di noi non c’è bisogno di tante parole: lui mi capisce benissimo, siamo due caratteri forti e risoluti e abbiamo la stessa positiva ambizione, la stessa volontà di voler migliorare ciò che abbiamo appena ottenuto. Siamo legati in modo indissolubile, entrambi orientati a guardare positivamente il futuro, sapendo che un’azienda come la nostra che ha raggiunto ormai queste dimensioni richiede un impegno giornaliero ed è necessario dare sempre il massimo, così da consolidare ciò che abbiamo fatto e propiziare un futuro sicuro ai nostri due figli Caterina e Tommaso che non dovranno mai dubitare del nostro impegno e del nostro amore.

    Donatella Sartarelli

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.015 secondi
Powered by Simplit CMS